UNWTO sostiene un piano forte per il turismo globale

Il Consiglio Esecutivo dell’Organizzazione Mondiale del Turismo UNWTO si è riunito di persona e virtualmente per la sua 112a sessione. Questo è stato il primo grande evento di persona che ha coinvolto il turismo e le Nazioni Unite si è tenuto dopo che la COVID-19 è stata dichiarata una pandemia. Il Consiglio Esecutivo ha potuto riunire 170 delegati provenienti da 24 Paesi, che hanno tutti accettato di sostenere la Dichiarazione di Tbilisi con il suo impegno a rendere nuovamente sicuri i viaggi internazionali. Il Consiglio ha anche deciso di aprire un primo ufficio regionale UNWTO.

Il Consiglio esecutivo dell’agenzia specializzata delle Nazioni Unite assicura che l’Organizzazione adempia al suo programma di lavoro e aderisca al suo budget. Dopo l’apertura della sessione da parte del Primo Ministro della Georgia, Giorgi Gacharia, il Segretario generale dell’UNWTO, Zurab Pololikashvili, ha illustrato i risultati degli ultimi 12 mesi. Ciò ha incluso la fornitura di supporto tecnico ai membri, la promozione del turismo al più alto livello politico e la promozione dei contributi del settore agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile all’interno del più ampio sistema delle Nazioni Unite.

Aprendo la riunione, il primo ministro della Georgia Giorgi Gacharia ha detto: “L’era post-crisi rappresenta per il nostro settore turistico un’opportunità per mostrare l’unicità della Georgia e rendere il Paese una destinazione leader, con i numerosi benefici sociali ed economici che questo porterà”. Nel suo discorso di benvenuto, il segretario generale Zurab Pololikashvili ha sottolineato “che il rilancio del turismo deve essere gestito in modo adeguato e che il nostro settore è all’altezza del suo potenziale unico”. Ha aggiunto che “questa crisi ha reso evidente il ruolo importante del turismo in ogni parte della nostra vita”, ponendo le basi per “lavorare insieme per costruire un settore turistico che funzioni per tutti, dove la sostenibilità e l’innovazione sono parte di tutto ciò che facciamo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *