UNWTO: crescita estiva, ma il recupero è fragile

Secondo l’ultima edizione del “World Tourism Barometer” dell’UNWTO, gli arrivi turistici internazionali sono aumentati del 58% nel periodo luglio-settembre rispetto allo stesso periodo del 2020. Tuttavia, sono rimasti il 64% al di sotto dei livelli del 2019. L’Europa ha così registrato la migliore performance relativa nel terzo trimestre, con arrivi internazionali in calo del 53% rispetto allo stesso periodo di tre mesi del 2019. In agosto e settembre gli arrivi erano a -63% rispetto al 2019, i migliori risultati mensili dall’inizio della pandemia.

Tra gennaio e settembre, gli arrivi di turisti internazionali in tutto il mondo si sono attestati a -20% rispetto al 2020, un netto miglioramento rispetto ai primi sei mesi dell’anno (-54%). Ciononostante, gli arrivi complessivi sono ancora il 76% al di sotto dei livelli pre-pandemia, con performance disomogenee tra le regioni del mondo. In alcune sotto regioni – Europa meridionale e mediterranea, Caraibi, America settentrionale e centrale – gli arrivi sono effettivamente aumentati sopra i livelli del 2020 nei primi nove mesi del 2021. Alcune isole dei Caraibi e dell’Asia meridionale, insieme ad alcune piccole destinazioni dell’Europa meridionale e mediterranea, hanno visto la loro migliore performance nel terzo trimestre del 2021 secondo i dati disponibili, con arrivi che si sono avvicinati o talvolta hanno superato i livelli pre-pandemici.

Il segretario generale dell’UNWTO Zurab Pololikashvili ha spiegato: “I dati del terzo trimestre del 2021 sono incoraggianti. Tuttavia, gli arrivi sono ancora il 76% al di sotto dei livelli pre-pandemia e i risultati nelle diverse regioni globali rimangono disomogenei. Alla luce dell’aumento dei casi e dell’emergere di nuove varianti, non possiamo abbassare la guardia e dobbiamo continuare i nostri sforzi per garantire la parità di accesso alle vaccinazioni, coordinare le procedure di viaggio, fare uso di certificati di vaccinazione digitali per facilitare la mobilità e continuare a sostenere il settore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *