Tutto il sudest asiatico con Dimensione Turismo

Partendo dai viaggi di primavera in Birmania e in Thailandia per scoprire tutto il fascino millenario di terre uniche e inimitabili. In particolare il primo Paese, ora chiamato Myanmar, è uno dei più suggestivi e interessanti territori di tutto il sud-est asiatico. Un salto indietro nel passato tra templi millenari, pagode dai tetti dorati, statue di Buddha a volontà e di ogni dimensione, e gli immancabili paesaggi naturali di struggente bellezza. Dall’Italia a Yangon la capitale. Poi, in aereo a Bagan, museo all’aperto della storia birmana. Uno dei più importanti siti di archeologia religiosa buddista con oltre quattromila strutture tra templi, monasteri e stupa sparsi a perdita d’occhio. Da qui a Mandalay, sulla riva del fiume Irrawaddy, capitale del buddhismo e della cultura del paese (qui si trovano antichi monasteri e più di settecento pagode). Tappe poi a Mingun (con mini-crociera sul grande fiume) e al lago Inle con i caratteristici villaggi su palafitte e per i suoi originali “orti galleggianti” dove gli abitanti coltivano diversi tipi di ortaggi. La visita alla Thailandia parte invece dalla capitale Bangkok: ecco il Palazzo Reale, i numerosi templi, in primis quello che ospita il “Buddha di Smeraldo”, ed il mercato galleggiante di Damnernsaduak. Poi in volo a Chiang Rai, nel profondo nord del paese alla scoperta del famoso “Triangolo d’Oro”, un’area davvero suggestiva e spettacolare che si incunea tra il Laos e la Birmania. Tra templi maestosi, villaggi etnici sparsi nella boscaglia, le “Donne Giraffa” “imprigionate” in una lunga serie di anelli e le tribù dei Meo, un tempo dedite al commercio dell’oppio. Tappa successiva a Chiang Mai, la “Città Rosa”, centro spirituale buddhisti con centinaia di stupendi templi. Visita d’obbligo al mercato notturno in “Ratchadamnoen road” tra luminarie, cibi di strada e bancarelle di ogni genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *