“Travel Trends 2021”, ecco come si viaggerà…

Il 2020 è stata una vera e propria sfida per i viaggiatori di tutto il mondo: l’emergenza sanitaria ha sconvolto tutti i piani, portando a rivedere i programmi di viaggio e la stessa possibilità di spostarsi in alcuni momenti dell’anno. Inevitabilmente, è stato un anno difficile per tutto il settore del turismo: basti pensare che, secondo Volagratis.com, quest’estate il calo delle prenotazioni è stato del 45% rispetto all’anno precedente. Complicato dunque, in questo momento, fare previsioni accurate relative alle destinazioni e individuare dove andrà a concentrarsi l’interesse dei viaggiatori nel 2021.

“Tuttavia, abbiamo notato come la resilienza dei viaggiatori e la loro capacità di adeguarsi alla situazione abbiano portato a nuove abitudini e tendenze che stanno influenzando il settore dei viaggi e che potranno svilupparsi e rafforzarsi durante il 2021 -, spiega Andrea Bertoli, COO di lm group. Gli italiani non vogliono rinunciare a viaggiare e lo faranno in sicurezza, con modalità e tempi rinnovati, ma sempre con la voglia di scoprire nuovi luoghi, anche vicino casa”. Proprio analizzando i comportamenti e le preferenze degli italiani negli ultimi mesi, Volagratis.com ha individuato i sei travel trends che saranno protagonisti nel 2021:

Staycation: viaggiare “in casa”, o quasi
Godersi un soggiorno di lusso o sentirsi turisti, anche nella propria città o negli immediati dintorni, per staccare la spina dalla routine quotidiana e allontanare lo stress: è il concetto alla base della “staycation”, la vacanza dietro casa o appena fuori porta. 

Il ritorno del last-minute
Meno attese, ricerche e indugi nelle prenotazioni: tornano a trionfare le vacanze last-minute. La situazione di incertezza dell’ultimo anno ha portato i viaggiatori ad approfittare dei periodi di maggiori tranquillità o delle revoche di limitazioni agli spostamenti, così, non appena se ne presenta l’occasione, si cerca la migliore offerta e si prenota rapidamente, anche per partire il giorno successivo.

Lontani dalla folla
Il concetto del “distanziamento sociale” è stato un vero e proprio leit motiv durante il 2020 e probabilmente continuerà ad esserlo anche nel 2021. Questo ha fatto sì che venissero privilegiate le vacanze “lontane dalla folla”, ad esempio in destinazioni spesso solo sfiorate dai classici itinerari turistici o immerse nella natura.

In gruppo o in famiglia: nel 2021 si viaggia insieme
Nel 2020 feste, matrimoni e grandi eventi sono stati annullati, così come i viaggi di gruppo, con la famiglia o con gli amici: coppie e single hanno rappresentato l’80% delle prenotazioni. Per il 2021 l’aspettativa – e la speranza – è quella di una crescita delle prenotazioni di gruppo, per ritrovarsi con gli amici in qualche parte del mondo, cosa che non è stato possibile fare nel 2020.

Viaggiare lentamente
Il 2020 ha di fatto costretto le persone a rallentare e a rivedere i propri ritmi. Nei viaggi, questo ha significato l’emergere del cosiddetto “slow travel”, il turismo lento: viaggiare lentamente significa prendersi il proprio tempo per immergersi nella cultura e nella tradizione di un luogo.

Workation: lavorare in vacanza
La chiamano “workation” ed è la nuova tendenza di viaggio emersa nel 2020 che ci accompagnerà anche nel prossimo anno: significa unire l’utile al dilettevole e lavorare da remoto in un luogo di vacanza. Che sia al mare o in montagna, l’importante è avere a disposizione un hotel o un resort con servizi digitali evoluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *