Tra borghi e cittadelle nella Corsica del Nord

Il nord dell’isola è diviso in tre regioni con caratteristiche assai diverse. La prima è quella di Cap Corse, il “dito”, che è una zona montana ricoperta di macchia mediterranea. Lungo la sua costa, poi piccoli porti si susseguono a breve distanza mentre all’interno i villaggi sono immersi nei boschi o arroccati su monti brulli. Quella del Nebbio è invece la regione che si estende da Bastia alla Balagne. In passato venne definita la Conca d’Oro per la sua terra fertile. Saint Florent è il suo centro principale. Ne fanno parte Patrimonio con i suoi vigneti e il Deserto delle Agriates. La terza regione, quella più occidentale è la Balagne, il “frutteto della Corsica”. Si tratta di una distesa di dolci rilievi collinari punteggiati da oliveti e agrumeti. Calvi ne è la capitale. Mentre i paesini dell’interno sono i custodi dell’artigianato locale. Lungo tutte le coste e negli entroterra di questa eterogenea zona settentrionale della Corsica, non mancano interessanti visite e gradevoli escursioni alla scoperta di alcuni gioielli d’arte e storia. A Bastia il centro storico si divide tra la città bassa, Terra Vecchia, e la cittadella fortificata di Terra Nova, entrambe caratterizzate di un fitto intreccio di antichi vicoli. A dominare la splendida baia del Vieux Port è la chiesa di Saint Jean Baptiste, la più grande della Corsica. Place Saint Nicolas, aperta sul mare, è il centro della vita cittadina. La scenografica scalinata dei Jardin Romieu porta alla Cittadella, dominata dal Palais des Gouverneurs. Erbalunga è invece il paese che ha dato i natali al poeta Paul Valery ed è uno tra i più affascinanti villaggi di Cap Corse, dominato dalla torre genovese in cima all’altura e caratterizzato dalle barche colorate dei pescatori. Da non perdere una passeggiata tra le stradine e i vicoli che si insinuano tra le vecchie case in pietra e ciottoli e una sosta nella piazzetta centrale, adorna di palme. Merita una gita anche la frazione di Castello, dove visitare la cappella Notre-Dame-des- Neiges, un piccolo luogo di culto con all’interno affreschi del Trecento.