L’UNWTO condanna il “Trump ban”

È stato il segretario generale in persona Taleb Rifai a esprimere il parere contrario dell’UNWTO (United Nations World Tourism Organization), la speciale agenzia per lo sviluppo del turismo delle Nazioni Unite, al recente divieto di viaggio verso gli Usa promulgato dal neoeletto presidente americano Donald Trump. “Questo provvedimento – ha spiegato Rifai -, anche se diretto solo verso sette nazioni del mondo (Iraq, Siria, Sudan, Libia, Somalia e Yemen, NDR), è contrario ai principi di libertà del viaggio e della promozione del turismo mondiale che noi portiamo avanti insieme all’industria internazionale del travel. Inoltre si tratta di una decisione che andrà sicuramente a ritoccare in negativo i positivi benefici che la crescita di un settore cruciale come quello dei viaggi e delle vacanze può portare a ogni Paese del mondo, Stati Uniti inclusi. I cambiamenti globali che accadono da qualche tempo a questa parte richiedono sicuramente soluzioni condivise a livello mondiale. Ma le sfide che la domanda di sicurezza che arriva da parte dei popoli di tutto il pianeta porta con sé non può trovare una corretta risposta nella costruzioni di nuovi “muri”. Al contrario il rinchiudersi nell’isolazionismo, anche attraverso la promulgazione di azioni discriminatorie, non porterà certo alla crescita della sicurezza, ma anzi all’aumento di tensioni e ostilità, come la storia insegna. E sono sicuro che, al di là delle dirette conseguenze sui viaggi verso gli Usa, questo divieto porterà un sentiment negativo verso il Paese americano da parte dei viaggiatori di tutto il mondo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *