L’Italia si riconferma il secondo mercato per Air Europa

Air Europa ha chiuso molto bene il 2019 con una crescita del fatturato che ha superato ampiamente la doppia cifra e un +16% per quanto riguarda il numero di passeggeri. L’Italia si riconferma così per Air Europa, il secondo mercato più importante a livello mondiale, subito dopo la Spagna.

Il collegamento su Panama, lanciato lo scorso giugno, è partito molto bene così come quello su Fortaleza, inaugurato a fine dicembre, le mete che si riconfermano sul podio sono però Lima, Santo Domingo e Havana. Anche la Colombia nel 2019 ha ottenuto ottimi risultati così come l’Argentina, segnata da un inizio anno molto difficile, dovuto alla complessa situazione politica interna, ma registrando nel secondo semestre un trend positivo.

La crescita di Air Europa è rintracciabile in tutti i segmenti, dal +5% dell’etnico al +27% del corporate, ma la vera sorpresa è stata la crescita a tripla cifra del segmento leisure, grazie all’orientamento del mercato verso itinerari sempre più flessibili, che si appoggiano quindi al volato di linea.

“Dopo l’ottimo 2019 speriamo di crescere ancora, con l’obiettivo di registrare un +7% di budget nel 2020, e posso dire che già questo gennaio è stato chiuso superando il budget che ci eravamo prefissati. Le vendite sono partite bene anche, e soprattutto, grazie al trade, il canale distributivo di gran lunga maggioritario per noi. Il mercato italiano sta rispondendo molto bene e riscontriamo un interesse particolare sul lungo raggio, con una percentuale sempre più alta sul totale dei passeggeri soprattutto da Malpensa. Anche quest’anno proseguirà l’ammodernamento della nostra flotta con la consegna di 9 nuovi Dreamliner, e questo ci permetterà di aumentare le frequenze sulle rotte più strategiche”. spiega il general manager Italia di Air Europa Renato Scaffidi.

Dopo i 3 aeromobili entrati in flotta nel 2019, il 2020 vedrà l’ingresso di 9 nuovi Dreamliner 787-900 con configurazione 1-2-1 della business class. Alla fine di novembre la compagnia ha inoltre firmato l’ordine per il 29° Dreamliner, inizialmente non previsto nei piani di ampliamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *