Italia-Croazia, si lavora a un piano europeo per il turismo

Si è tenuto un incontro in video conferenza tra il ministro Dario Franceschini e il suo omologo croato Gari Cappelli per cercare eventuali misure ed elaborare piani relativi al turismo, vista la situazione attuale dovuta al Covid-19.

“La Croazia e l’Italia sono due paesi vicini amichevoli e pertanto la cooperazione di qualità è molto importante per noi nella situazione attuale, non solo perché un gran numero di croati vive e lavora in Italia e viceversa, ma anche a causa della nostra unione in termini di turismo ed economia. Il mercato italiano è sempre stato uno dei nostri mercati più importanti e, a causa dell’attuale situazione, la cooperazione congiunta di tutti i paesi dell’UE, in particolare i leader del turismo, è più importante che mai nell’istituzione di migliori quadri finanziari per il turismo all’interno dell’UE e nella definizione di standard e procedure per bilanciare salute e stabilizzazione del mercato turistico europeo. La nostra iniziativa è di introdurre un protocollo di viaggio comune a livello UE con regolamenti definiti reciprocamente, con i singoli paesi che concordano bilateralmente seconda necessità. Nel fare ciò, tenendo conto dello sviluppo della situazione all’interno dei singoli paesi, si potrebbe considerare quando saranno aperte le frontiere in che modo rendere l’intero processo più efficiente e veloce“, ha affermato il ministro Cappelli durante l’incontro.

Il ministro Franceschini ha sottolineato che tutti i paesi stanno considerando le migliori soluzioni possibili per l’attivazione e la stabilizzazione del mercato del turismo, sia nazionale sia estero, e ha sottolineato l’importanza di trovare una soluzione comune a livello europeo in termini di ulteriori misure che contribuirebbero alla sicurezza nel turismo. Nel 2019, la Croazia ha ricevuto quasi 1,2 milioni di arrivi e quasi 5,5 milioni di pernottamenti dall’Italia. È il mercato che ha raggiunto il maggior numero di pernottamenti dopo Germania, Slovenia, Austria e Polonia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *