In bici da Milano a Roma per la libertà di viaggiare

“Siamo ormai fermi da un anno e mezzo. Totalmente fermi. All’inizio poteva andar bene, ma adesso conosciamo molte cose della pandemia, abbiamo i vaccini, i protocolli giusti e queste restrizioni non hanno più senso. Io sono passato da un milione e mezzo di fatturato a 35mila euro, ma non è solo una mortificazione economica. Mi sento in ginocchio anche dal punto di vista psicologico: la mattina ti alzi e ti senti inutile, ne esce sconfitta la tua valenza sociale di imprenditore”. 

Daniele Tonani, titolare della Focus Himalaya Travel, è un operatore che ha deciso di mettere in atto una protesta estrema contro le persistenti chiusure dei viaggi extra Ue/Schengen sancite dal Dpcm del 2 marzo scorso: lunedì 20 settembre salterà infatti in sella alla sua bicicletta e da Milano partirà alla volta di Roma per recapitare al ministro della Salute, Roberto Speranza, e al collega del Turismo, Massimo Garavaglia, il “Manifesto per la Libertà di Viaggiare” che contiene le rivendicazioni e le proposte della Federazione turismo organizzato (Confcommercio).

Il documento verrà consegnato a Tonani, al momento della partenza, da Franco Gattinoni, presidente di Fto.
Ben 760 chilometri in sette giorni: una maratona a pedali per giungere nel cuore della Capitale lunedì 27 settembre, Giornata mondiale del turismo. “Come professionista del settore ho bisogno di viaggiare – prosegue Tonani – e ho voglia di viaggiare. Lo faccio anche per sentirmi in viaggio. Ho sposato i punti del Manifesto e mi piace poter mettere a disposizione il mio tempo per tutto il movimento, mi piace fare qualcosa di concreto per spingere la politica ad agire”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *