Il turismo riparta dalle vaccinazioni: appello del settore

Fiavet, Federalberghi, Fipe, Faita, Assocamping, Assohotel, Assoviaggi, Fiba e Fiepe hanno stretto un accordo con i sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs. Assieme chiedono il vaccino per il lavoratori del turismo al più presto, per far ripartire il comparto. Un’ipotesi che dovrebbe seguire l’esempio di quanto è già avvenuto e sta avvenendo nel comparto sanitario. Una soluzione ideale per un settore  così importante per l’economia italiana, che potrebbe dare sicurezza a tutti coloro che vogliono spostarsi, guardare oltre i ristori a fondo perduto, e cominciare con gli investimenti  per il futuro.

È un’idea nata col fine di programmare il rilancio dell’attività turistica in condizioni di piena tutela della salute: così le organizzazioni datoriali (Federalberghi, Fipe, Faita e Fiavet (aderenti a Confcommercio); Assocamping, Assohotel, Assoviaggi, Fiba e Fiepet(aderenti a Confesercenti) e sindacali stipulanti CCNL (Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs) che trovano applicazione alle imprese del settore turismo hanno sottoscritto un accordo per richiedere alle autorità competenti l’accesso tempestivo al programma vaccinale anti Covid-19 per i lavoratori del settore turismo.

L’accordo è accolto con soddisfazione dalle parti stipulanti, perché individua nella vaccinazione contro SARS-CoV-2/Covid-19 uno strumento utile a garantire l’esercizio in piena sicurezza dell’attività turistica sia con riferimento agli addetti, sia riguardo alla generalità della popolazione.

In considerazione della necessità di riservare ai lavoratori del settore turismo particolare attenzione nell’attuazione del piano vaccinale, le parti richiedono alle autorità centrali e locali l’inserimento degli stessi tra le categorie prioritariamente destinatarie della vaccinazione, alla luce dell’esigenza di tutela delle attività che continuano ad assicurare il servizio nonostante l’esposizione al rischio.

Per garantire il successo della campagna vaccinale, le parti hanno infine concordato di attivarsi per promuovere, tra i lavoratori occupati, campagne di informazione e sensibilizzazione finalizzate alla vaccinazione contro SARS-CoV-2/Covid-19.

Federico Rossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *