Guanajuato, lo stato messicano si presenta a Roma

Lo Stato di Guanajuato, nel cuore del Messico, ha presentato a Roma le caratteristiche di una destinazione ancora poco conosciuta in Italia che vanta due città Patrimonio Mondiale Unesco.

Città di Guanajuato, la capitale dello Stato omonimo, ha un patrimonio architettonico del tutto peculiare, con strade e tunnel sotterranei che, insieme alle miniere adiacenti, sono state dichiarate Patrimonio Unesco nel 1988. Nella città sorge il Teatro Juárez, gioiello architettonico del primo Novecento e nucleo della vita culturale di Guanajuato, è stato una scuderia durante la rivoluzione. Il Mercato Hidalgo, progettato inizialmente per essere una stazione ferroviaria da Alexandre Gustave Eiffel, è caratterizzato da una grande volta in metallo e trenta finestre che lo illuminano in tutto il suo fascino. Una visita al Museo delle Mummie, infine, permette ai turisti di scoprire leggende e miti legati al passato della città.

San Miguel de Allende, entrata invece nel 2008 tra le città Patrimonio Mondiale dell’Umanità, è una città nota per il suo ruolo di spicco nella lotta per l’indipendenza messicana, dove restano testimonianze del barocco messicano in perfetto stato di conservazione. Nell’area delle due città si possono esplorare le testimonianze della storia precolombiana del Paese, o di quella più recente durante la dominazione ispanica come Canada de la Virgen, zona archeologica che un tempo era il centro dei rituali astronomici preispanici. In ottobre si tiene il Festival Vivos y Muertos, con spettacoli, film, e artigiani locali che mostrano le loro creazioni in preparazione alla celebrazione del Día de Muertos, il 2 novembre di ogni anno.

Famose mete dello Stato di Guanajuato sono i Pueblos Mágicos, le città magiche: Mineral de Pozos, nel comune di San Luis de la Paz, è famosa per il misticismo, le vestigia architettoniche e le miniere; Dolores Hidalgo (Cuna de la Independencia Nacional) è nota per le sue coloratissime maioliche che incantano l’occhio, nonché per i deliziosi gelati capaci di conquistare qualsiasi palato; a Salvatierra, considerata la prima città dello Stato, è possibile visitare il tempio e convento del Carmen, costruito tra il 1644 e il 1655; anche Yuriria, nota per la sua grande laguna, conserva ancora antiche cappelle risalenti al XVI secolo; Jalpa de Cánovas, nel comune di Purísima del Rincón, è caratterizzata dall’aria tipica dell’antica grandiosità coloniale e offre una bellezza architettonica unica e splendidi paesaggi naturali, che la rendono una destinazione straordinaria in tutta la zona; infine Comonfort, nota per la sua particolare architettura civile e una ricchezza paesaggistica d’eccezione, così come l’autenticità della sua popolazione e le bellissime manifestazioni religiose e gastronomiche.

Lo Stato di Guanajuato è la settima destinazione turistica più visitata del Messico, comodamente raggiungibile dall’Italia atterrando all’Aeroporto Internazionale Léon del Bajio che ospita voli nazionali ed internazionali, collegando ad esempio Atlanta, Dallas, Chicago, Cancún, e Tijuana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *