Grecia: il 14 maggio riaprirà il turismo nel Paese

Il piano del governo greco per l’apertura in modo sicuro del turismo nel 2021 è stato presentato dal Ministro del Turismo Haris Theocharis in una conferenza stampa, tenutasi nel quadro della Fiera Internazionale del Turismo ITB di Berlino. Theocharis ha fissato il 14 maggio come data di inizio ufficiale della stagione turistica 2021 in Grecia. Allo stesso tempo, ha rivelato lo slogan principale della nuova campagna promozionale per il Turismo Greco, “All you want is Greece” (“La Grecia è tutto quello che vuoi”).

Come ha sottolineato il Ministro del Turismo, “Tenendo sempre presente la fedele attuazione dei protocolli sanitari, aspiriamo ad aprire il turismo in Grecia il 14 maggio. Fino ad allora, abbiamo in programma di rimuovere gradualmente le restrizioni, sempre se ciò sarà consentito dalle stime degli infettivologi riguardo lo sviluppo della pandemia. Ad esempio, abbiamo pianificato per Aprile l’implementazione pilota delle misure di sicurezza che nella prima fase riguarda i visitatori provenienti dai paesi dell’Unione Europea, così come per altri paesi dove la vaccinazione è progredita, come Israele. Sottolineo però che tutte le date di apertura sono indicative e possono cambiare a seconda dello sviluppo delle circostanze”.

Durante la sua presentazione, il ministro, ha brevemente fatto riferimento ai protocolli sanitari di base che verranno applicati ai visitatori. In particolare, sarà consentito l’ingresso ai viaggiatori che saranno stati vaccinati, o avranno l’immunità a seguito della guarigione o saranno stati trovati negativi al COVID-19 con un recente test. Inoltre, ha sottolineato il Ministro, “tutti i turisti potrebbero essere sottoposti a test a campione, come l’anno scorso. Tuttavia, una differenza significativa rispetto allo scorso anno sono i ‘test rapidi’, grazie ai quali la quarantena per i casi positivi inizierà, senza le 24 ore di attesa come nel 2020”.

“Il costo del ricovero o di qualsiasi altra azione imposta, con l’obiettivo di tutelare la salute di turisti, professionisti e cittadini, sarà a carico dello Stato greco, ha chiarito il Sig. Haris Theocharis. Allo stesso tempo, ha sottolineato che ciò che si applica ai cittadini greci, si applicherà anche ai turisti, senza alcuna differenza o eccezione, come ad es. l’uso obbligatorio della mascherina nei luoghi pubblici”. Infine il Ministro del Turismo ha anche affermato che “stiamo rafforzando le strutture del Sistema Sanitario Nazionale in tutte le destinazioni della Grecia, continuando lo stesso sforzo dell’anno scorso. Diamo priorità alla vaccinazione delle persone che si occupano della fornitura di servizi turistici, parallelamente alle fasce deboli della popolazione del nostro Paese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *