Federalberghi: primi segnali di ripresa in Italia

Il turismo in Italia nei primi mesi del 2022 comincia a dare concreti segnali di ripresa, come emerge dai dati di Federalberghi, Nexi e Zucchetti che hanno fotografato le presenze e le spese dei turisti negli hotel e le destinazioni preferite nel nostro Paese per questa estate. Infatti, se è vero che le presenze dei turisti nei nostri alberghi nel periodo gennaio-maggio 2022 non sono ancora ritornate ai livelli pre – pandemia (calo del 3,1% per gli Italiani e del 6,8% per gli stranieri rispetto al 2019), fa ben sperare il risultato del mese di maggio, in cui Federalberghi annota per il turismo leisure un solido +33,4%, risultato del +13,5% delle presenze italiane e del +45,8% di quelle straniere.  Una decisa crescita rispetto a quanto registrato in aprile, quando le presenze dei turisti negli alberghi italiani sono aumentate del 10,5% rispetto al 2019, ma con gli stranieri che hanno fatto segnare una diminuzione del 26,3%.

Confidiamo che le buone performances fatte segnare dalle vacanze di Pasqua e dai ponti del 25 aprile e del 2 giugno preludano a un’estate positiva – afferma Alessandro Massimo Nucara, Direttore Generale di Federalberghi – e che la seconda parte dell’anno consenta di lenire almeno in parte le ferite inferte alle imprese da due anni tragici, che vogliamo al più presto metterci alle spalle”. In ripresa non solo le presenze, ma anche le spese dei turisti, come emerge dai dati di Nexi che ha esaminato gli acquisti da parte di Italiani e stranieri nei nostri hotel: dall’analisi della PayTech emerge che a maggio 2022 sono cresciuti complessivamente del 13,7% vs maggio 2019, nello specifico del +25,6% per gli Italiani e del 9% per gli stranieri.

Si tratta di dati di particolare rilievo in considerazione, soprattutto, dell’importanza che il turismo ha nel nostro Paese: secondo il World Travel & Tourism Council, il contributo apportato dall’economia dei viaggi e del turismo al PIL italiano è pari al 13,1%.Il recupero delle spese in alberghi è un segnale incoraggiante, essendo il turismo uno degli asset fondamentali per l’economia del nostro Paese e conferma come gli strumenti di pagamento digitale siano scelti da un numero sempre maggiore di esercenti e cittadini che li preferiscono per la comodità, la sicurezza e la velocità che garantiscono” afferma Enrico Trovati, Merchant Services & Solutions Director di Nexi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *