Federalberghi, inviato al Governo il protocollo nazionale “Accoglienza Sicura”

Federalberghi, Confindustria alberghi ed Assohotel hanno inviato al governo e alle Regioni il protocollo nazionale elaborato in tema di prevenzione contro la diffusione del Covid-19 nelle strutture ricettive.

Abbiamo bisogno di garantire ed essere garantiti per poter riaprire le nostre strutture e far sentire i nostri ospiti protetti come a casa propria” ha specificato il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca “Proprio per questo motivo, nella delicata stesura del protocollo nazionale, ci siamo affidati a figure terze, ovvero professionisti italiani e stranieri che, con le loro rispettive competenze, potessero individuare la strada più sicura per consentire alle attività del sistema ricettivo di riaprire con i giusti presupposti. La nostra speranza, per i nostri collaboratori e per gli italiani stessi, è che il frutto dello sforzo congiunto degli operatori del settore sia funzionale alla volontà ed all’urgenza di ripartire il prima possibile”.

Il protocollo, frutto di una intensa e costante collaborazione tra le tre associazioni, è stato redatto da una task force costituita ad iniziativa di Federalberghi composta da imprenditori e dirigenti, italiani e stranieri, espressione delle diverse categorie e tipologie di strutture turistico ricettive, con l’ausilio di consulenti in materia di igiene e sicurezza e sotto la supervisione del prof. Pierluigi Viale dell’Università di Bologna, direttore dell’Unità Operative Malattie Infettive del Policlinico di S. Orsola.

Federalberghi e le altre organizzazioni hanno chiesto che i contenuti del protocollo vengano assunti a riferimento per l’adozione di eventuali provvedimenti volti a regolamentare i comportamenti che le aziende turistico ricettive dovranno tenere nella fase della cosiddetta “ripartenza”. Essi sono stati elaborati sulla base delle informazioni disponibili e delle disposizioni ad oggi vigenti, quindi saranno soggetti a revisioni in caso di aggiornamenti ed evoluzioni della situazione epidemiologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *