MercatoTrasporti

Ecco Moby Fantasy, il ferry più grande al mondo

Cerimonia di rito in pompa magna ad Olbia per il battesimo di Moby Fantasy, la nuova ammiraglia e 23esima nave della compagnia Moby e che sarà dedicata alla tratta Livorno-Olbia. La Fantasy e la sua gemella Moby Legacy, che sarà operativa a partire dal prossimo autunno, sono state costruite nei cantieri cinesi di Guangzhou, con tecnologie sofisticate e all’avanguardia tali da raggiungere livelli altissimi di sostenibilità e rispetto per l’ambiente.

Moby Fantasy

Ma anche con un progetto di vivibilità per il passeggero che fa della Moby Fantasy quasi una nave da crociera più che un semplice traghetto. “I servizi di bordo sono in un unico ponte con un nuovo format studiato insieme alla Ligabue Catering con la quale lavoriamo da 80 anni – ha dichiarato Achille Onorato, Amministratore Delegato Moby -. Un catering innovativo fondato sullo show cooking e sulle isole del gusto a tema, ciò evita le code e permette di avere piatti veloci ed espressi, in linea con la ristorazione a terra. Un tipo di servizio che non sarà solo sulla Fantasy perché questa è una nave pilota e l’obiettivo è di trasferirlo su tutta la flotta. Ai passeggeri che sceglieranno le 18 suite, verrà offerta una colazione gourmet nel ristorante o attraverso il servizio in camera come fosse un albergo”.

Ma la grande novità del progetto Fantasy è il garage: 3mila e 750 metri lineari di parcheggio su 4 ponti di cui 3 sono totalmente indipendenti, con una velocità di carico e scarico che non esiste in un traghetto di vecchia generazione. “Tutti i ponti garage sono direttamente collegati con la terraferma attraverso 3 portelloni. Ciò evita l’intralcio dei mezzi pesanti con i passeggeri. quindi la separazione dei due traffici con efficienza e comodità di imbarco sia per i passeggeri che per gli autisti”.

La Moby Fantasy è poi sostenibile dal punto di vista ambientale. È predisposta  per poter andare a LNG, anche se in questo momento in Italia ancora non c’è l’attrezzatura adeguata per il rifornimento, e vanta vari accorgimenti per ridurre le emissioni di CO2 del 40%. Sostenibilità non solo dal punto di vista ambientale ma anche economico perché  questa nave, grazie alle sue dimensioni e capacità raddoppiate, ne sostituisce due  con una notevole diminuzione  dei costi operativi.

“Nei prossimi 18 mesi abbiamo in programma lavori di refitting su tutte le navi principali della flotta – ha concluso Achille Onorato -. Attracco in banchina onde evitare di emettere fumi quando la nave è in porto, più il reblading. Andremo a ridefinire le pale delle eliche, l’idrodinamica del loro design si è molto evoluta negli ultimi anni, la forma più allungata consente di andare ad un regime più basso, consumare di meno e inquinare di meno. Vernici siliconiche che permettono di diminuire gli attriti,  di andare con giri minori e consumare di meno con una maggiore efficienza. Tutto questo si traduce in un investimento di 36 milioni di euro che sarà fatto nei prossimi 18 mesi, dei  quali il 40% è garantito dai fondi del PNRR perché i nostri progetti rispondevano ai requisiti di sostenibilità”.

Sostenibilità anche dal punto di vista della fruizione della nave considerando l’attenzione dei costruttori ai possibili problemi dei passeggeri. “Delle 441 cabine della Moby Fantasy, tutte con standard da nave di crociera, alcune sono dedicate – ha aggiunto Alessandro Onorato, Director of Sales Moby -. Ci sono 18 suite, 46 cabine dove si possono portare animali da compagnia, 11 cabine per passeggeri a mobilità ridotta e percorsi speciali lungo tutta la nave per i non vedenti”. (Teresa Carrubba)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *