Dorothea Wierer testimonial del “suo” Alto Adige

Premiata per la quarta volta con la Coppa di specialità ai Mondiali di Biathlon 2021 a Pokljuka, che la incoronano come una delle più grandi campionesse di biathlon della storia, Dorothea Wierer è un’altoatesina doc. Un personaggio davvero eccellente che della sua terra ama tutto, «la bellezza dei paesaggi, il sole che splende sempre, il clima ed il rispetto dell’ambiente». E chi, se non lei, può raccontare un territorio che sa essere stupefacente. Tra lingue diverse, clima alpino e clima mediterraneo, ricca offerta invernale e straordinaria meta estiva, Dorothea Wierer è la prima voce narrante di una storia eccezionale che inizia oggi e che nel corso di quest’anno racconterà l’Alto Adige dal punto di vista delle sue persone, le stesse che chiamano questa terra “casa”.  

Non solo biathlon per Dorothea che, nel tempo libero, ama praticare anche lo snowboard. E tra i suoi luoghi preferiti c’è sicuramente l’Alpe di Siusi, dove ogni anno si svolgono le competizioni della Coppa del Mondo FIS Slopestyle Snowboard & Freeski e dove ha sede il più grande snowpark di tutto l’Alto Adige. Qui gli amanti del freestyle, appassionati di snowboard e freeski trovano tutto ciò che cercano per il loro divertimento. La vera chicca? La wood line con gli ostacoli in legno. Come altipiano più esteso d’Europa, l’Alpe di Siusi è il paradiso anche per le escursioni durante le stagioni più calde. Da qui passano, infatti, la terza e la quarta tappa di uno dei sentieri a lunga percorrenza più noti del territorio: il Dolomites UNESCO Geotrail. Lungo ben 175 km e composto da 10 tappe, si muove attraverso i magnifici gruppi montuosi delle Dolomiti.

«Quando non mi alleno e soprattutto durante le pause invernali, tra una gara e l’altra, adoro rilassarmi, ricaricare le batterie e fare lunghe passeggiate, spesso tra i nostri boschi», racconta Dorothea. Per la campionessa di Biathlon il benessere psico-fisico è strettamente legato alla natura e ai suoi elementi. Non a caso tra i suoi luoghi del cuore c’è an- che la Val Passiria. In questo angolo di paradiso è molto diffuso il cosiddetto metodo Kneipp di cui la scienza ne riconosce gli effetti benefici. Qui è possibile fare una camminata lungo la roggia di Saltusio e scoprire in che modo l’acqua fredda può dare benefici alla vista – con un bagno oculare – o, ad esempio, dare uno sprint energico, se lasciata scorrere sulle braccia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *