Attento turismo…ti tengo d’occhio!

Come da tradizione, alla fiera BMT di Napoli, abbiamo coinvolto gli addetti ai lavori nella nuova edizione della nostra mitica e attesissima Fotoinchiesta. Quest’anno è stata la volta di una domanda che guarda avanti: per il futuro – abbiamo chiesto – chi vorresti tenere d’occhio perché pensi potrà avere un grande successo nel settore del turismo?

Quando Paola Paciotti ci ha fatto vedere la sua bella lente vintage ci è venuta l’idea geniale: per la Fotoinchiesta alla BMT possiamo trasformare gli addetti ai lavori in tanti novelli Sherlock Holmes e chiedere a loro quale realtà del settore vorrebbero tenere sott’occhio perché credono che nel futuro del turismo questa potrebbe avere un successo grande e unico. Ecco le loro “curiose” risposte…

Ramon Parisi


Ramon Parisi, Direttore Commerciale di Domina Vacanze: «La Cina sicuramente è un Paese che bisogna tenere sott’occhio per i volumi: flussi enormi di turisti che si affacciano ad esperienze nuove e un mercato incredibile ancora da scoprire. Non dimentichiamoci della Russia che è un paese dove Domina è presente storicamente, speriamo che le relazioni internazionali si distendano per sfruttare al meglio quest’altro importante bacino. A livello di destinazioni sicuramente l’Egitto è ritornato in pompa magna e i numeri si prospettano buonissimi per l’estate, contando che già l’anno scorso abbiamo registrato il tutto esaurito. Nel Mare Italia abbiamo fatto importanti investimenti su voli charter e collegamenti marittimi con i porti principali: puntiamo sul sud sia a livello di incoming che di outgoing, con il nostro Domina Zagarella frequentato anche da stranieri e con i nuovi collegamenti diretti da Catania e Palermo a Sharm El Sheikh».

Avital Kotzer Adari

Avital Kotzer Adari, Direttore dell’Ente del Turismo di Israele in Italia: «Su chi voglio puntare la mia lente oggi? Sinceramente, credo valga la pena di puntare
sulla crescita e sull’innovazione di una meta turistica come Israele e in particolare su una destinazione come Eilat, ancora forse poco conosciuta
in Italia ma con un potenziale enorme. Si tratta infatti di una destinazione che offre il Mar Rosso tutto l’anno, offrendo anche attività sportive per tutti
i gusti, dal surf alle immersioni alla scoperta del corallo fino al bagno con i delfini. Anche per quanto riguarda gli eventi una meta come Eilat offre moltissime possibilità, a partire dal festival della musica jazz e da quello della musica da camera. Da Eilat, che è la località più a sud di Israele, salendo verso Tel Aviv e Gerusalemme, si incontra il Deserto del Negev. Un territorio unico e splendido che gli italiani hanno avuto modo di scoprire l’anno scorso durante la terza tappa del Giro d’Italia 2018: è un un deserto roccioso e non di dune sabbiose, nel quale è possibile fare attività naturalistiche e di trekking, oltre a percorsi alla scoperta delle chiese bizantine come anche delle numerose cantine che producono vino nel deserto. E i numeri fin dall’anno scorso ci stanno premiando davvero
tanto, siamo fiduciosi».

Neyda Garcia

Neyda Garcia, Direttore Ente del Turismo della Repubblica Dominicana in Italia : «Il mio Paese è da tenere d’occhio soprattutto per il segmento lusso: abbiamo tante strutture e hotel immersi nella natura ma con tutti i servizi luxury. Negli ultimi anni gli italiani in Repubblica Dominicana sono diminuiti per colpa degli uragani che ci hanno colpito, ma già dall’inverno 2018 i dati hanno ripreso a crescere. Tour operator e agenzie si stanno rendendo conto infatti che il Paese non è solo una meta per la “settimana mare” ma abbiamo molto da offrire a livello paesaggistico, infatti stanno crescendo molto gli itinerari fly&drive, comodi grazie alle nostre autostrade che collegano benissimo tutto il Paese».

Michele Mazzini


Michele Mazzini, Direttore Commerciale Kappa Viaggi: «Occhio a Kappa Viaggi che è una novità in Italia: ci affacciamo al mercato con la volontà di replicare l’esperienza positiva maturata in Francia, dove il nostro gruppo è il terzo operatore generalista. Facciamo parte del gruppo NG Travel, che ha deciso di investire in Italia nell’estate 2018 per una crescita “step by step”: per questo credo che saremo da tenere d’occhio in questo 2019. La nostra formula villaggistica è innovativa perché propone un incontro con la popolazione locale, non solo la classica animazione. I brand con cui ci proponiamo alle agenzie sono Kappa Club e Club Coralia, per un totale di 10 strutture, con sistemazioni a partire da 3 notti».

Maya Francione

Maya Francione, Direttore Marketing del Turismo di Malta: «Credo che la destinazione Malta, per la varietà di attività che offre nonostante il piccolo territorio, sia da tenere d’occhio. Una bella novità poi è il nuovo strumento pensato per la formazione degli agenti di viaggio: Destination Malta Academy. È un portale
nel quale si possono scoprire diversi contenuti video che raccontano Malta in modo divertente ed efficace. Quest’anno puntiamo molto a diversificare l’offerta: non più solo divertimento ma anche cultura, sport e attenzione alle famiglie. In quest’ottica c’è stato un miglioramento importante della qualità delle strutture alberghiere in tutta l’isola, con alberghi riqualificati e boutique hotel costruiti da zero».

Enrico Bernasconi

Enrico Bernasconi, Direttore Marketing Ferrovia Retica: «La mia risposta è forse insolita, ma io tengo per il 2019 sotto osservazione un operatore ovvero Albatravel. Il motivo? Innanzitutto perché quest’anno festeggia trenta anni di lavoro che è un traguardo molto importante e che non si
raggiunge per caso. E poi perché proprio in occasione di questi trent’anni inizia una importante collaborazione proprio tra noi della Ferrovia Retica e la stessa Albatravel. Dal 2019 infatti ci sarà un canale di vendita diretto per Albatravel legato alla Ferrovia Retica. Io faccio davvero i miei migliori auguri a loro anche perché sono sicuro che la nostra alleanza con loro sarà importante per il futuro di entrambe. E a proposito di futuro l’anno 2019 per il Trenino Rosso è già partito in quarta e le previsioni sono davvero ottime. Siamo sopra ogni più rosea aspettativa, ovvero un +10% rispetto ai numeri dell’anno scorso che già era stato il migliore anno della storia per il nostro prodotto. Addirittura ci sono persone che viaggiano in piedi e stiamo lavorando quindi anche per aumentare la nostra offerta per il futuro. Un grazie anche alla fortuna e al meteo che ci ha creato un contesto di neve di sole incredibile per i nostri ospiti. Cerchiamo sempre comunque la qualità del servizio e per il prossimo futuro avremo più carrozze e prodotto più
all’avanguardia e lo vogliamo proporre a sempre più clienti anche qui al centro sud».

Umberto Solimeno

Umberto Solimeno, Direttore Aeroporto dell’Umbria: «Se devo scommettere su qualcosa che avrà successo nel prossimo futuro, lo voglio
fare sull’intermodalità, cioé sull’integrazione tra i vari mezzi di trasporto come treno e aereo ad esempio. Forse ci vorrà ancora un po’ di tempo ma il mix tra vettori è il futuro. Bisognerà certo trovare il modo giusto per vendere al cliente finale questo tipo di prodotto “complesso” ma sono sicuro che l’unione di questi vettori sarà il futuro dei trasporti e del turismo.
Avere la possibilità di comprare un solo biglietto per arrivare ad esempio da una piccola città italiana alla più lontana provincia della Cina è quello
che farà cambiare il mondo dei viaggi dell’avvenire.
Un mondo nel quale già il prossimo anno saranno 7 miliardi e mezzo le persone a viaggiare solo in aereo. La via è già tracciata e so che a breve ci arriveremo».

Vera Rodaro

Vera Rodaro, programmazione prodotto per Metamondo:
«Forse non si direbbe ma in un’epoca di turismo sempre più complesso sono sicura che da tenere d’occhio perché avrà grande successo sarà
la consulenza sempre più approfondita. Quella degli agenti di viaggio nei confronti dei loro clienti in particolare. Il vero esperto di vacanze è chi ha modo di conoscere in prima persona i luoghi del mondo per poi potere andare a proporre e a dare ai turisti idee sempre nuove e speciali su dove andare in vacanza. È un compito degli agenti ma anche certo di noi operatori: siamo esperti e dobbiamo dare al cliente le giuste informazioni per fare godere del viaggio chi parte. Come i nostri che sono viaggi “difficili” che si devono formare nel tempo e con l’esperienza per proporre poi a chi parte una vacanza unica e sempre irripetibile. E oggi non è una cosa facile ma bisogna studiare e capire e a volte ragionare anche insieme ai clienti che sono quelli che alla fine devono essere soddisfatti maggiormente. Vogliamo prima di tutto costruire un’esperienza ed è questo il fattore che ha sempre guidato il nostro lavoro».

Giorgio Lotti

Giorgio Lotti, Direttore Commerciale Futura Vacanze:
«Sotto la mia lente d’ingrandimento voglio mettere il Mar Rosso e in particolare Sharm El Sheikh e Marsa Alam perché sono destinazioni in netta ripresa che possono essere di nuovo molto importanti per tutto il mercato in quanto sono una vera risorsa economica per gli operatori ma anche per le agenzie viaggi durante tutto l’arco dell’anno. Essendo poi raggiunte da charter che sono trasversali per tutto il mercato e da tutte le città italiane è un ulteriore vantaggio. Detto ciò noi puntiamo come sempre sul Mare Italia come da nostro Dna: e al trade vogliamo dire che il nostro modello di villaggio e di club funziona, è vincente e che per questo dall’Italia dove è nato lo stiamo esportando nelle altre mete di interesse e dove funziona come proprio l’Egitto ma anche la Grecia».

Viviana Vukelic

Viviana Vukelic, Direttore Ente del Turismo Croazia in Italia:
«Occhio alla Croazia! La nostra offerta infatti è rivolta anche a un turismo presente tutto l’anno, grazie ai nostri prodotti-chiave: cultura e siti Unesco, cicloturismo, nautica, vacanza attiva, business & congressi, enogastronomia. Non dimentichiamo inoltre l’ampia offerta in tema di salute e benessere, con i centri Spa & Wellness e cliniche per la riabilitazione e la fisioterapia che vedono ogni anno la presenza crescente di ospiti da tutto il mondo. Inoltre quest’anno, grazie a investimenti pari a circa 1 miliardo di euro nelle infrastrutture alberghiere, si assisterà all’apertura di diversi nuovi hotel, tra i quali: l’Hilton Garden Inn a Zagabria ubicato a pochi passi dal centro e vicino ai principali punti d’interesse della città, il Grand Park Hotel 5 stelle a Rovinj, che a sua volta si trova a pochi metri dal nuovo ACI Marina
e con vista sul centro storico della cittadina istriana. Proprio il nuovo ACI Rovinj sarà un moderno marina, con design d’alto livello e soluzioni tecnologiche all’avanguardia».