A spasso per la Corsica occidentale

La costa ovest offre i panorami più spettacolari dell’intera Corsica. Visitarla vuol dire fare un tuffo in una natura da sogno, ritmata dal susseguirsi dei golfi di Galeria, Porto, Sagone, Ajaccio e Valinco. La prima meraviglia che si incontra a sud di Calvi è la Riserva Naturale di Scandola: il passaggio di Gargalu, strettissimo canale attorniato da spettacolari picchi rocciosi di un rosso intenso, è uno dei momenti più emozionanti in mare. Il Golfo di Porto regala paesaggi da sogno, tra cui le spettacolari conformazioni rocciose de les Calanques de Piana. Albe e tramonti, qui, sono spettacoli indimenticabili. Addentrandosi sulle montagne alle spalle di Porto, si raggiunge Ota, punto di partenza per belle escursioni alle Gorges di Spelunca lungo antiche mulattiere che passano su alcuni dei più famosi e suggestivi ponti costruiti dai genovesi. Il Golfo di Sagone offre una serie di belle spiagge di sabbia, tra cui quella rinomata di Cargese. Interessante la storia di questo paese fondato alla fine del Seicento da esuli greci sfuggiti ai turchi, sulla piazza principale si affacciano le due chiese di rito ortodosso e cattolico. Ecco poi le Iles Sanguinaires: non bisogna farsi ingannare dal nome truculento, gli spettacolari isolotti evocano sangue per il colore rosso che prendono al tramonto. Ajaccio è meta imperdibile per gli ammiratori di Napoleone (si può visitare la sua casa natale) e base per belle escursioni all’interno. Sempre sulle tracce del grande corso, sulla strada che porta a Sagone c’è la casa di campagna di famiglia, Les Milelli, arredata con mobili ottocenteschi opera di artigiani locali. Per godersi uno dei più bei panorami sull’intero Golfo di Ajaccio, si può percorrere la strada dei Colli, fino al col de Cortonu. Da qui si gode un panorama mozzafiato sui due golfi di Ajaccio e del Valinco. Da fare a piedi, invece, il Sentiero delle Creste, 4 ore di camminata con vista sulla costa.